martedì, marzo 10, 2015

Le misure di austerità possono essere definite come un’attitudine economica che ristringe o regola la richiesta e l’offerta. Questa può avere effetto sui redditi e il consumo. Segue l’adattamento dei redditi alla performance (produttività e redditi reali), e delle possibilità finanziarie al consumo.

In un’economia di mercato funzionale le misure di austerità sono automatismi di correzione, una forma dell’adattamento. Se la crescita dei redditi reali supera la produttività, il risultato sarà l’inflazione, la vendetta del consumo reale. Sia in questione la persona fisica, la società o il paese, se il consumo supera i redditi, parliamo d’indebitamento. La mancanza dell’equilibrio conduce al deprezzamento della moneta nazionale, per cui aumentano i prezzi dell’importo, che genera l’inflazione.  
Lo sviluppo mano in mano con l’inflazione rappresentano la perdita del benessere, o con altre parole queste sono misure di austerità indotte dal mercato. Queste possono essere molto variate e possono avere effetti sulle persone fisiche, società o stati.
Le persone fisiche possono rinunziare al consumo di alcuni prodotti o servizi (comprano meno libri, rinunciano alle vacanze all’estero), possono scegliere prodotti meno costosi o possono prendere la cena a casa invece di andare al ristorante.
Le società possono ottimizzare o diminuire le spese scegliendo servizi o fornitori meno costosi, razionalizzando la forza di lavoro, ecc. Nel caso dello stato le misure di austerità sono legati principalmente alla politica monetaria e al bilancio. Queste possono imporre la diminuzione delle spese o l’aumento delle imposte, o altre misure della Banca Centrale.
Il vantaggio delle misure di austerità basati sul politico è che queste possono essere dirette, correttive e selettive, mentre le misure basati sul mercato hanno effetto “ceco” e colpiscono l’intera società e l’intera economia. Le prime possono essere selettive, dirette verso la risoluzione del problema (spese eccesive o spreco), proteggendo i settori che funzionano bene. Attraverso azioni diretti creano possibilità e fanno pressioni per il miglioramento della perfomance e della competitività.

L’inflazione o il deprezzamento sono mezzi del politico che possono essere applicati direttamente o indirettamente. Possono crescere i prezzi in modo diretto o indiretto attraverso imposte e tasse. Il deprezzamento può essere una decisione ufficiale o può essere raggiunta senza l’applicazione delle misure che possano prevenire il deprezzamento della moneta. Dato che il deprezzamento e l’inflazione hanno effetti negativi sulla società, in forma di misure di austerità non appaiono tanto negativi e possono essere accettati facilmente dall’opinione pubblica.  Tuttavia, il politico preferisce il deprezzamento e non le misure di austerità. Le misure selettive di austerità hanno effetti su interessi concreti, non è per caso che costituiscono il soggetto di dispute e confronti politici. Il governo preferisce la stimolazione dell’inflazione, perché attraverso questo può finanziare facilmente il bilancio. Il deprezzamento è un importante meccanismo correttivo, che al contrario all’opinione pubblica, non cresce la competitività. La crescita della competitività necessita il calo reale delle spese o il miglioramento della qualità dei prodotti.
Il deprezzamento provvisorio accresce il prezzo dei prodotti per l’export nella valuta nazionale, in conseguenza accresce anche la rata del profitto. Migliora la vendita del prodotto e mantiene il produttore sul mercato, ma accresce anche il prezzo dell’importo. Questa genera l’inflazione che prima o poi porta alla crescita delle spese, che possono essere moderate se i redditi nominali vengono diminuiti in modo proporzionale.
I vantaggi della “competitività” a breve termine possono svanire se questi non sono equilibrati con misure dirette di austerità. Nel caso in cui non cambia niente, può seguire un altro deprezzamento. Nelle economie bene integrate sul piano internazionale il deprezzamento non ha effetti di miglioramento della competitività.
Il deprezzamento come tale non è una medicina, ma solo un contro dolore. Aiuta l’adattamento e assicura un breve respiro per il miglioramento della competitività. Questi passi non possono essere risparmiati. La mistificazione delle possibilità del deprezzamento spesso è legata agli attacchi populisti contro le misure di austerità.

Cominciando dal 1970 il monetarismo ha portato cambiamenti radicali e qualitativi nella politica economica. Il monetarismo non è solo una politica economica, ma dopo la caduta finale dello standard d’oro è il nuovo sistema del funzionamento dell’economica, che è devoto al mercato libero. La contrapposizione dell’intervenzionalismo proposto di Keynes al monetarismo del mercato libero è una trappa.
Per stabilizzare i prezzi, il monetarismo preferisce l’intervento dello stato. Nell’opinione di Keynes la rata della disoccupazione, mentre secondo il monetarista Friedeman l’inflazione è il pericolo principale. Tuttavia l’inflazione è una malattia grave della società, che produce i suoi effetti non solo su una parte, ma su tutta la società. L’inflazione ha la capacità di sotto minare la competitività, la sostenibilità della crescita economica, le possibilità di profitto e può deprezzare i risparmi. Per questi motivi l’inflazione è considerata “tassa generale invisibile”.
Il monetarismo ha cambiato fondamentalmente le possibilità e il modo di applicazione delle misure di austerità. Con il controllo rigoroso dell’inflazione in pratica ha eliminato, o almeno ha limitato in gran parte l’automatismo dei prezzi e del cambio sul mercato libero, ciò significa che queste devono essere sostituite con misure dirette di austerità basati sul politico. I dibattiti legati alle misure di austerità si sono infiammati riguardo alla recente crisi della moneta Euro. La priorità assoluta della costruzione dell’unione monetaria è stata la stabilizzazione dei prezzi, e la politica economica e le misure di austerità sono state sottoposte in totalità a questa. La moneta unica è stata accettata da Germania solo con la condizione che questa non abbia inflazione maggiore dalla moneta nazionale anteriore (DM). Generalmente questa è stata l’interesse di tutti i membri. Visto le politiche economiche sbagliate e il consumo eccessivo che ha superato le possibilità finanziarie, le misure di austerità sono state indispensabili. Quelle misure che sono state imposte per stabilizzare l’equilibrio economico sono la condizione della crescita economica sostenibile. Questi “sacrifici di crescita” devono intrapresi per ritornare al normale.  

La critica severa della politica delle misure di austerità è ben fondata
. Queste misure possono avere spesso il carattere della deflazione. Qui mi riferisco specialmente alla politica “toika” proposta dalla Banca Centrale Europea, Commissione Europea e FMI, che è caratterizzata dal devoto insistente e rigoroso alla stabilizzazione dei prezzi e al bilancio equilibrato. Il calo rilevante del consumo individuale e comune priva i paesi dalla possibilità della crescita, e questo conduce ad un nuovo deficit, cresce l’indebitamento, che porta a nuove misure di austerità.
Nei paesi in crisi la rata della disoccupazione ha raggiunto un livello sociale insopportabile. Il numero scandaloso della disoccupazione tra i giovani è pericoloso sia sul piano sociale sia su quello politico. Paesi come la Grecia hanno raggiunto ad una situazione disperata, e le misure di austerità spesso si sono dimostrati di essere antisociali, inaccettabili da punto di vista sociale e politico. La tredicesima con grande probabilità era concepita per l’acquisto dei voti, ma in contraddizione con la realtà finanziaria del paese. Tuttavia, in molti casi i compensi reali e giustificati sono stati le vittime delle misure di austerità, mentre non è stato considerato l’impostazione di alcuni settori specifici con grandi profitti (banche). Nel caso dell’imposta, l’IVA aumentato o in crescita al di fronte delle imposte progressive è una misura di austerità che soffoca specialmente le persone con redditi bassi. I governi sono stati impazienti e molto attivi ad eliminare le spese sociali, invece di ostacolare l’evasione fiscale di alcuni cerchi imprenditoriali. Non è esagerato se diciamo che se tutti pagherebbero i loro obblighi fiscali, nessun paese avrebbe dei problemi finanziari.

Le misure di austerità spesso sono il soggetto delle dispute, manipolazioni e trucchi del politico. Evidentemente, per eliminare i fraintesi si dovrebbero analizzare le misure di austerità imposte a un paese o organizzazione, e poi rispondere alle domande: quale sarebbe stato la procedura corretta? Che cosa è successo in realtà? Sono state necessarie le misure di austerità? In quale forma o modo dovrebbero stati effettuati? Qual è la rata dell’efficienza? Quali sono le conseguenze?
Le misure di austerità fanno parte dell’economia funzionale, e le conseguenze economiche, sociali e politiche di questi dipendono solo della forma e misura corretta importa. Dato che l’opinione pubblica è ostile a questi, il politico e il governo tende a camuffarle e manipolarle per non essere visibili. Il rifiuto totale delle misure di austerità è irrazionale e danneggiante all’economia. Il politico responsabile dovrebbe implementare forme razionali di risparmi (anche nei periodi equilibrati). I partiti, movimenti e governi possono essere giudicati sono in questa prospettiva. 

Tag: consumo, reddito, inflazione, possibilità, profitto

Fai un commento
comments powered by Disqus
Non cambio paese Cambia paese!
Non voglio cercare Cerca qualsiasi cosa!
Accedi
Password dimenticata